capodannomacerata.com - cenoni, feste, discoteche, hotel, agriturismi, tutto su come passare il capodanno a Macerata e provincia

Info e Prenotazioni:

Scrivici info@capodannomacerata.com

La provincia di Macerata

Il territorio della provincia di Macerata, il numero di abitanti e le bellezze culturali e del territorio

Provincia di MacerataLa Provincia di Macerata è una delle principali province della regione Marche, una delle più interessanti di tutto il centro Italia dal punto di vista delle cose da vedere e da fare. La provincia Macerata ha superficie di oltre 2.700 chilometri quadrati e in totale ci sono oltre 320.000 provincia Macerata abitanti.

 

Complessivamente la provincia include 57 comuni, di cui tra le città paesi principali provincia Macerata vediamo, oltre al capoluogo, anche Matelica, San Severino Marche, Porto Recanati e Camerino.

 

Matelica è un comune che si trova a circa 60 chilometri a sud ovest di Ancona e a 35 chilometri a ovest di Macerata. In totale la popolazione è di oltre 10.000 abitanti. Particolarmente belli sono il palazzo del governatore e un giro per le campagne della città, molto gradito per rilassarsi e passeggiare in mezzo alla natura.

 

San Severino Marche, bella cittadina della provincia maceratese, ha degli interessanti punti di interesse come la piazza fortificata (del 13 ° secolo) di Piazza del Popolo, i resti della città medievale, con la torre comunale, le due porte e l'antica cattedrale del 10 ° secolo, i resti archeologici di Septempeda, la Chiesa di Santa Maria del Glorioso, la Basilica di San Lorenzo in Doliolo e la Nuova cattedrale di Sant'Agostino.

 

Porto Recanati, città natale del poeta Giacomo Leopardi, è un’altra bella location della provincia da non perdere, in maniera particolare la sua piazza centrale (intitolata proprio al poeta marchigiano) e le vie del centro storico.

 

Camerino, altra città degna di nota, è particolarmente interessante per i suoi monumenti e per le cose da vedere. Un importante punto culminante della visita a Camerino è il Palazzo Ducale, che al tempo della sua costruzione (probabilmente intorno al 1489-1492) è stato chiamato “nuova casa” per distinguerlo dalle "vecchie case" di Varano nel Terziere di Sossanto.

publisher
back to top